Da un’accurata ricerca abbiamo scoperto come anticamente si faceva la birra. Un tempo, non avendo a disposizione lieviti selezionati si lasciava il mosto di birra fermentare in grandi botti. Questo tipo di fermentazione oggi viene chiamata “spontanea” perché a differenza delle sorelle (alta e bassa) non vengono selezionati i lieviti ma si lascia che i microorganismi presenti nell’aria vadano a trasformare il mosto in birra. Con Patos l’Azienda San Biagio e il Sedicistudio hanno voluto ricreare queste sensazioni ripercorrendo i processi millenari accorgendoci alla fine di avere tra le mani una vera e propria LAMBIC. All’interno di questa birra abbiamo aggiunto le ciliegie, e più precisamente la Moretta di Vignola, per arrotondare un po’ i sapori e per ottenere il colore dei nostri vini novelli. PaTos è una birra pertanto frutto di saperi e sapori antichi.Ma l’idea di questo nuovo prodotto è soprattutto dettata da una amicizia tra il Nostro Mastro Birraio Giovanni Ridolfi e il fotografo Paolo Tosti e tutti Noi del birrificio di San Biagio che con la Patos abbiamo voluto dissetare tutti i palati.

BIRRIFICIO SAN BIAGIO

Brand strategy

Grafica